Ciò che è davvero indispensabile per vivere

donna_sola-grande

 

 

In classe è venuto più volte fuori il discorso che <<Non si può vivere senza acqua, luce, aria… e cibo>>. Così i ricordi e i pensieri sono tornati a galla in strascichi di momenti di vita -se così vogliamo chiamarla- ormai (più o meno) passati.

-L’acqua che bevevo a litri e litri per “perdere tempo” durante il pasto e riempirmi lo stomaco, sentendomi poi anche in colpa come se quella sensazione fosse dovuta all’aver mangiato troppo.                                                                                                                                  L’acqua bevuta per falsare il peso, fino ad arrivare a una perdita ai polmoni

-La luce che tanto cercavo e per la quale aprivo le finestre. In inverno nemmeno salivo in camera mia se non per dormire -e a volte nemmeno per quello dato che dormivo sul divano così da far tutto silenziosamente la mattina perché mia madre non si svegliasse per vedermi non fare colazione.                                                                                                                       La luce accanto al mio letto che usavo per leggere: le finestre accanto a me spalancate in pieno inverno ed io con solo una maglietta leggera senza maniche addosso e il mio thè verde (senza zucchero naturalmente)…  la postura non rilassata.                                                                                                               Quella piccola luce bianca: l’unica cosa a illuminare un po’ la stanza mentre, distesa a terra, facevo addominali, squat e chi più ne ha più ne metta. Ogni sera un po’ di più.

-L’aria fredda, congelata, che mi arrivava dalla finestra ed io -coperta solo dal lenzuolo- che non dormivo tutta la notte ma rimanevo lì tremante, tentando di scaldarmi da sola con le mie stessa braccia e la testa sepolta sotto il lenzuolo.                                                             Oppure l’aria che i termosifoni scaldavano e che io, appena me ne accorgevo, correvo a spegnere prendendomela con i miei genitori e, con il panico nella voce, dicevo che “mi dava una sensazione di claustrofobia… e correvo ad aprire tutte le finestre della mia stanza.

In comunità controllavano sempre che io portassi una canottiera e allora io la sollevavo sul seno che non avevo più  lasciano la pancia (che non avevo?!) scoperta.                                 All’ospedale, invece, il primario mi aveva addirittura letteralmente prescritto di indossare i calzini. 

                                                                        -E infine: il cibo.                                                               Quello di cui in un certo periodo ho abusatousato per riempire il vuoto che avevo nel cuore. Le merendine, i biscotti e i pacchetti di cracker che ogni 5 minuti andavo in cucina a prendere scappando poi in camera mia fino a che i miei genitori e i parenti mi hanno detto di fare attenzione a non esagerare… E magari di fare qualche sport.                                                  Quello che poi, non potendomi più permettere di mangiare mettevo in bocca per sentirne il sapore e poi sputavo nel vater, o rigettavo (come la torta del mio tredicesimo compleanno).

Il cibo che temevo -neanche fosse la morte in persona… anche se di quella non avevo e non ho paura- , che nascondevo nelle tasche e poi buttavo via, quello a cui pensavo sempre, giorno e notte, di cui sapevo tutti gli “ingredienti” e il valore calorico che era sempre e comunque troppo.


In conclusione, caro Professore e cari compagni, direi che okay: non si vive senza acqua, luce, aria e cibo, ma…

Ciò che è davvero indispensabile per vivere -a parer mio- è l’amore                                                                              e se c’è quello c’è anche tutto il resto.

#ilfreddodentro

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ali ha detto:

    Fortunatamente è tutto passato 😘

    Mi piace

  2. Ali ha detto:

    Ti voglio bene

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...